basso

Corsi di basso elettrico su misura per te

Le nostre lezioni di Basso Elettrico sono estremamente personalizzate e si rivolgono a bambini, giovani o adulti, e a tutti i livelli, sia a principianti che non abbiano mai effettuato studi musicali, sia a coloro che, pur in possesso di una preparazione di base desiderino approfondire la tecnica dello strumento e le sue possibilità espressive in relazione ai vari generi musicali.

Il programma di studi viene stilato tenendo conto del livello di preparazione dell’allievo e delle sue attitudini, nonché obiettivi musicali.

Argomenti dei corsi

Gli argomenti trattati saranno, sinteticamente, i seguenti e verranno affrontati attraverso esercizi specifici e lo studio di divertenti brani musicali:

  • Tecnica della mano destra: la padronanza del pizzicato è la base di un grande “sound”.
  • Tecnica della mano sinistra: una corretta impostazione per sviluppare una tecnica da virtuoso.
  • Lettura della chiave di basso: esecuzione di studi ed esercizi sia tratti da metodi celebri sia scritti dall’insegnante.
  • Sviluppo del senso ritmico: patterns ritmici e riffs.
  • La conoscenza dell’armonia: scale ed arpeggi in tutte le tonalità e comuni progressioni armoniche.
  • Funzione del basso in un ensemble strumentale.
  • Approfondimento dei vari stili musicali nei quali il basso elettrico è utilizzato (quali il rock, il blues, il latin, il funky, il jazz etc.) e studio di tecniche specifiche.
  • Studio del repertorio attraverso l’esecuzione di brani importanti nella storia dello strumento.
  • Analisi di bassisti celebri.

Il fascino del basso elettrico

Il Basso Elettrico nasce in California negli anni ‘50 sotto il nome di “Fender Precision Bass”, molto somigliante ad una chitarra elettrica solid-body della Fender nel 1948, aveva l’obiettivo di sopperire alla mancanza di uno strumento cordofono elettrico dal registro basso con i tasti, agevole da suonare, con un suono potente e definito.

Dal suo esordio rappresentò da subito un’innovazione nello scenario musicale, soprattutto in ragione della sua facilità di trasporto e la sua semplicità di utilizzo rispetto al Contrabbasso, grazie all’introduzione dei tasti.

Anche la facile amplificazione dello strumento grazie a pickup collegati, che consentivano di arrivare ad una potenza di svariate centinaia di Watt, unitamente alla praticità e all’agilità che permetteva sul palco durante le esibizioni, ha reso il Basso Elettrico uno strumento di grande successo.

imparare-a-suonare-il-basso

Perché il basso?

A questa domanda risponde Valerio, il nostro insegnante di basso:

<< Se decidete di seguire il corso Basso Elettrico siete evidentemente delle persone fuori dal comune.
Perchè? Perchè probabilmente vi interessa più la sostanza che la forma. E’ molto facile lasciarsi affascinare dal ruolo che altri strumenti rivestono nella musica, strumenti (inclusa la voce) che, apparentemente, sono più protagonisti o in evidenza sul palco. O strumenti con cui, da soli, potete eseguire dei brani più o meno compiuti. Chi capisce l’importantissimo ruolo del Basso nella musica ne resta sorprendentemente affascinato. Suonare un riff di Basso con precisione ritmica e la giusta intenzione dà la stessa soddisfazione che cantare un bel brano pop o effettuare un assolo di chitarra. Il bassista ha il potere e la responsabilità di far funzionare bene o meno bene la musica, e questo vale per tutti i generi, dalla musica classica, al rock, al jazz. Basta sbagliare una fondamentale o suonare fuori tempo, et voilà, tutta l’impalcatura musicale crolla inesorabilmente…

bassista-esperto
imparare-a-suonare-bene-il-basso
bassista-ska

<< Anche se il Basso è uno strumento “da accompagnamento” non significa che sia uno strumento secondario. Provate a pensare alla vostra canzone preferita e poi toglietele il basso…uhm, sentite che disastro! Ecco perchè un bravo bassista sarà sempre molto richiesto ed apprezzato dai propri colleghi. Quindi possiamo stabilire che lo studio del Basso Elettrico è una faccenda seria, ma non seriosa. Ci si può divertire moltissimo studiando il Basso Elettrico nel modo giusto, anche se è uno strumento che, prevalentemente, non fa accordi né suona melodie. E’ molto importante all’inizio imparare la corretta posizione del corpo, di spalle e braccia, polsi, sia suonando da seduti che in piedi. Questo, sia per evitare tensioni muscolari, che per raggiungere più facilmente la posizione corretta di mano destra e mano sinistra. Gli esercizi finalizzati ad ottenere una buona tecnica non devono essere visti come una rottura di scatole o una perdita di tempo, anche se possono sembrare noiosi o costringono le dita ad un certo sforzo. Provate a pensare che state lavorando per voi stessi, più sarete in possesso di una buona tecnica strumentale, più sarete liberi di suonare come vi piace e di divertirvi…

<< L’impostazione tecnica del Basso è la stessa per tutti i generi musicali ma, procedendo negli studi e comprendendo sempre di più le molteplici possibilità espressive dello strumento, è probabile che vi lasciate affascinare da uno stile musicale piuttosto che da un altro. Dopo una prima parte di studi dedicata quindi allo sviluppo di una tecnica corretta, mediante esercizi specifici ma anche, e perché no, attraverso l’esecuzione di brani musicali famosi (dapprima più semplici e poi via via più complessi), potrete decidere in quale direzione stilistica orientare i vostri sforzi.

Dal rock progressive alla salsa, dall’heavy metal al jazz, dal funky al pop. Potrete apprendere le tecniche specifiche e le peculiarità del vostro genere preferito, studiando il repertorio delle band più celebri e analizzando lo stile dei bassisti che hanno contribuito a scrivere la storia di questo meraviglioso strumento >>.

 

Valerio Della Fonte – Docente Basso Elettrico

 PRENOTA ORA LA TUA LEZIONE DI PROVA GRATUITA!

Contattaci:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Il tuo messaggio

Autorizzo al trattamento dei dati come da normativa privacy (richiesto)

percussioni
Corsi Complementari
News
Tutti i corsi
Related Projects