MC Magazine
icona-articolo

5 cose indispensabili per creare il proprio studio di registrazione a casa

Articolo

È arrivato il momento di mettere in gioco la tua passione,le tue qualità e competenze e desideri creare un piccolo studio di registrazione in casa tua. Piccolo ma funzionale e con tutto il necessario per raggiungere i tuoi obiettivi e lavorare sui tuoi progetti.
Da dove iniziare?

Ecco le cinque cose indispensabili per creare uno studio di home recording:

1. COMPUTER

È la macchina principale, il perno intorno a cui gira tutto, e deve essere in grado di reggere la DAW (ovvero la digital audio workstation, in altre parole il software di produzione musicale come Ableton o Logic ecc.):  si tratta programmi che richiedono risorse importanti da parte del computer, soprattutto a mano a mano che i progetti su cui si lavora progrediscono e diventano complessi e pesanti.

Computer

2. SCHEDA AUDIO

È il processore che sostiene il computer nella gestione della parte sonora.
Si occupa di smaltire la gran parte delle operazioni di calcolo per quanto riguarda, ad esempio, la registrazione di uno strumento ed è responsabile di operazioni quali l’utilizzo dei plugin audio (software che aggiungono delle funzionalità più o meno specifiche alla DAW).
Altro ruolo della scheda audio è quello di fare da tramite tra computer e monitor.

Scheda audio

3. MONITOR

Volgarmente dette “casse da studio”.
La loro funzione è quella di trasmettere con estrema precisione i singoli suoni, valutando l’effetto globale in termini di volumi e bilanciamento.
Sono lo strumento che ti permetterà di valutare il tuo lavoro.

Monitor

4. MICROFONO

Hai moltissime possibilità di scelta e non esiste il microfono perfetto in assoluto, esiste quello perfetto per il progetto che intendi creare e per gli strumenti che intendi registrare.

Microfono

5. CUFFIE

Anche per le cuffie, la scelta universalmente corretta non esiste è tutto dipende dalla tipologia di lavoro a cui ti dedicherai. Per iniziare sono fondamentali le cuffie chiuse, dotate di un isolamento ottimale.

Cuffie

Questo elenco presenta ovviamente quella che può essere considerata l’attrezzatura base.
Le tipologie (marchi, modelli ecc) di questi strumenti sono svariate e potrai scegliere come muoverti nel momento dell’acquisto basandoti sia sul tuo budget che sui tuoi obiettivi.
Ricordati che un costo elevato non è garanzia di qualità, considera sempre il rapporto qualità/prezzo.
E tieni ben presente lo spazio che hai a disposizione per scegliere la strumentazione adeguata.
Ovviamente l’attrezzatura base può essere integrata da plus a seconda del tuo percorso: controller di diverse tipologie, hardware analogici e molto altro.
Se sei agli inizi, il nostro consiglio è quello di affidarti a chi ti sappia guidare sia nella scelta degli strumenti che nell’imparare come utilizzarli al meglio.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

Vi racconto perché ho scelto di lavorare con le Tecnologie Musicali

ARTICOLO DI MATTEO GUALENI – Vi siete mai chiesti chi ci sia dietro la realizzazione di una colonna sonora? Matteo Gualeni, docente di Sound Interaction Design, ci racconta la sua esperienza. (Tempo di lettura 2’)

icona-articolo

5 cose indispensabili per creare il proprio studio di registrazione a casa

Articolo

È arrivato il momento di mettere in gioco la tua passione,le tue qualità e competenze e desideri creare un piccolo studio di registrazione in casa tua. Piccolo ma funzionale e con tutto il necessario per raggiungere i tuoi obiettivi e lavorare sui tuoi progetti.
Da dove iniziare?

Ecco le cinque cose indispensabili per creare uno studio di home recording:

1. COMPUTER

È la macchina principale, il perno intorno a cui gira tutto, e deve essere in grado di reggere la DAW (ovvero la digital audio workstation, in altre parole il software di produzione musicale come Ableton o Logic ecc.):  si tratta programmi che richiedono risorse importanti da parte del computer, soprattutto a mano a mano che i progetti su cui si lavora progrediscono e diventano complessi e pesanti.

Computer

2. SCHEDA AUDIO

È il processore che sostiene il computer nella gestione della parte sonora.
Si occupa di smaltire la gran parte delle operazioni di calcolo per quanto riguarda, ad esempio, la registrazione di uno strumento ed è responsabile di operazioni quali l’utilizzo dei plugin audio (software che aggiungono delle funzionalità più o meno specifiche alla DAW).
Altro ruolo della scheda audio è quello di fare da tramite tra computer e monitor.

Scheda audio

3. MONITOR

Volgarmente dette “casse da studio”.
La loro funzione è quella di trasmettere con estrema precisione i singoli suoni, valutando l’effetto globale in termini di volumi e bilanciamento.
Sono lo strumento che ti permetterà di valutare il tuo lavoro.

Monitor

4. MICROFONO

Hai moltissime possibilità di scelta e non esiste il microfono perfetto in assoluto, esiste quello perfetto per il progetto che intendi creare e per gli strumenti che intendi registrare.

Microfono

5. CUFFIE

Anche per le cuffie, la scelta universalmente corretta non esiste è tutto dipende dalla tipologia di lavoro a cui ti dedicherai. Per iniziare sono fondamentali le cuffie chiuse, dotate di un isolamento ottimale.

Cuffie

Questo elenco presenta ovviamente quella che può essere considerata l’attrezzatura base.
Le tipologie (marchi, modelli ecc) di questi strumenti sono svariate e potrai scegliere come muoverti nel momento dell’acquisto basandoti sia sul tuo budget che sui tuoi obiettivi.
Ricordati che un costo elevato non è garanzia di qualità, considera sempre il rapporto qualità/prezzo.
E tieni ben presente lo spazio che hai a disposizione per scegliere la strumentazione adeguata.
Ovviamente l’attrezzatura base può essere integrata da plus a seconda del tuo percorso: controller di diverse tipologie, hardware analogici e molto altro.
Se sei agli inizi, il nostro consiglio è quello di affidarti a chi ti sappia guidare sia nella scelta degli strumenti che nell’imparare come utilizzarli al meglio.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

Vi racconto perché ho scelto di lavorare con le Tecnologie Musicali

ARTICOLO DI MATTEO GUALENI – Vi siete mai chiesti chi ci sia dietro la realizzazione di una colonna sonora? Matteo Gualeni, docente di Sound Interaction Design, ci racconta la sua esperienza. (Tempo di lettura 2’)